lunedì 21 marzo 2011

Ricorso al tar come e dove









Il comitato genitori sta decidendo di fare ricorso al tar per l'aumento in corso d'anno delle tariffe. La sigla tar corrisponde a tribunale amministrativo regionale, quindi un tribunale adibito a valutare ricorsi contro atti amministrativi di privati che si ritengono lesi.
Il giudizio del tar può essere appellabile dal consiglio di stato. Gli avvocati che prenderanno l'incarico ufficialmente a breve, stanno meditando la migliore strategia da seguire in tribunale e sottolineare quanto, aumenti così gravosi in corso d'anno, possano arrecare disagio alle famiglie bolognesi. I genitori però possono dormire sonni tranquilli se stanno pensando a quanto costa un avvocato, perché i professionisti in questione non richiedono compensi. E questo non è poco! Uniche spese da coprire, sarebbe utile organizzare una colletta fin da subito, sono circa 500 euro per il pagamento del c.d "contributo unificato": una sorta di marca da bollo che verrà applicata al ricorso. Come si fa una causa collettiva? Come le altre. Unica differenza che al posto che una firma se ne fanno tante. Va da sé che a breve ci dovremmo incontrare per raccoglierle e consegnarle  agli avvocati. Come spesso accade in queste situazioni, più saremo maggiori possibilità di vittoria avremmo. Non pare anche a voi che tante firme già dimostrino al giudice un grande interesse e di conseguenza un grande disagio?

Nessun commento:

Posta un commento