martedì 31 gennaio 2012

I soldi della lotta all’evasione? Investiamoli nella scuola











Lunedì in Consiglio comunale è stato approvato un Ordine del giorno promosso da Francesco Errani consigliere del Pd. La faccenda riguarda direttamente scuola e servizi educativi.Si tratta di investire le somme recuperate dalla lotta
all'evasione fiscale sulla scuola. Un primo passo per trovare una possibile soluzione al calo di risorse, un primo passo che guarda lontano con un'idea a lunga progettazione. Abbiamo incontrato Errani sul tema.

Da dove parte questo progetto?
L'idea è nata durante i lavori della VI Commissione Istruzione e Cultura, in udienza conoscitiva con genitori e insegnanti, per discutere di scuola e servizi educativi, per capire cosa può fare il Comune di Bologna in una situazione così delicata e drammatica. Come conseguenza dei tagli agli Enti Locali che mettono in ginocchio tutte le Amministrazioni, diminuisce la possibilità di rispondere alle richieste dei cittadini. Ci siamo detti, se chiude un nido colpiamo le donne, il lavoro femminile. Se si riduce la scuola, riduciamo gli apprendimenti, la possibilità per chi ha più bisogno.
La proposta che ho avanzato è di far emergere il più possibile l'evasione che in Italia risulta molto radicata, determinata principalmente dalla diffusione del lavoro nero e dall'evasione dell'iva. La Regione Emilia-Romagna, in questo complesso e poco edificante scenario, risulta tra le più virtuose e Bologna è in testa nella lotta all'evasione. L’idea e’ di incentivare la collaborazione di tutti i cittadini, vincolando le risorse recuperate a servizi specialistici, quali appunto quelli della scuola.

Quanti capitali sono stati recuperati fino ad ora?
La legge da ai Comuni il 100% dell’evaso. La collaborazione tra Agenzia delle Entrate e Comuni dell’Emilia Romagna ha portato, nei primi 6 mesi del 2011, a ben 10.963 segnalazioni, per un totale di 4,7 milioni di euro già riscossi. Bologna con 1.083 segnalazioni è il Comune più virtuoso ed è al primo posto per volume di soldi recuperati dall’evasione, anche se oggi solo 144 mila euro sono le risorse che ha incassato contro i 1,5 milioni riscossi dall’Agenzia delle Entrate.

In che tempi si pensa di poterli recuperare e reinvestire?
Non è possibile inserire oggi le somme recuperate dalla lotta all'evasione nel bilancio comunale (la stessa scelta è stata fatta anche a livello nazionale), in quanto non sono certi i tempi di restituzione ai Comuni delle cifre recuperate dall’Agenzia delle Entrate, ma è un passo verso la direzione giusta. L'approvazione in Consiglio dimostra la volontà dell'Amministrazione di difendere la qualità dei servizi, rafforzando la lotta all’evasione anche grazie anche al coinvolgimento dei cittadini.

Dopo questa approvazione in Consiglio, qual è l'iter?
Il Consiglio ha approvato un indirizzo e dovrà controllare l'attuazione. La Giunta, in particolare l’Assessore al Bilancio, dovrà mettere in pratica la decisione costruendo gli strumenti idonei per rafforzare la collaborazione con l'Agenzia delle Entrate e investire le somme recuperate sulla scuola.
Vorrei però porre l'attenzione anche su un altro aspetto che mi sta particolarmente a cuore. Questa proposta chiede anche una maggiore trasparenza per permettere ai cittadini di verificare direttamente come ogni soldo recuperato verrà reinvestito in migliori servizi educativi.
Altra notizia importante e’ la scelta fatta anche dal Pd nazionale. Francesca Puglisi, responsabile Scuola Pd, ha sposato la proposta e l’ha rilanciata a livello nazionale.

1 commento:

  1. Speriamo arrivino presto tutti i soldini recuperati dal Comune di Bolonga, così a spanne ci starebbero 2 nidi NUOVI! Ah Ah
    Lucia

    RispondiElimina