martedì 27 marzo 2012

Controlli e dintorni

clarita













In consiglio è stata approvata all'unanimità la proposta della giunta di modificare i criteri di valutazione per meglio modulare i pagamenti ai servizi
educativi e di conseguenza l'accesso.

Cosa Cambia?
Si introdurrà nuovo indicatore che andrà ad integrarsi all'isee. Questo per poter meglio definire la situazione economica (reddituale-patrimoniale) e che di norma vada a comprendere entrambi i genitori a prescindere dalla loro residenza anagrafica. La modifica entrerà in funzione dal prossimo anno scolastico.Sarà applicato solo per l'accesso e l'attribuzione delle tariffe dei servizi educativi. Si introdurranno in materia di controlli, nuovi strumenti informatici per sanzionare comportamenti scorretti, dando anche mandato alla giunta di stabilire altre modifiche per adeguare modalità e strumenti di controllo. Si darà mandato ai Dirigenti dei settori competenti di adottare tutte le determinazioni necessarie  per definire le procedure atte al raggiungimento degli obiettivi espressi nel presente atto.
In numeri
Nell'analisi dei dati dei nuclei familiari ai fini isee, riferiti ai servizi educativi e scolastici, nell'anno scolastico 2011-12 evidenzia un peso significativo di queste situazioni. I nuclei con un solo genitore sono 2146 su un totale di 11606, in percentuale  del 18,5%, di queste il 63% sono celibi/nubili, il 15% coniugati ma non facenti parte dello stesso nucleo, il 13% sono separati e il 9% divorziati. Ad oggi i celibi-nubili con diverse residenze, possono trarre un vantaggio in termini economici e di accesso ai servizi. Questo oltre ad essere scorretto è in contrasto con la legge in vigore dal 2006 in materia di divorzio e separazione, la quale prevede che entrambi i genitori devono provvedere alla cura del figlio.






Nessun commento:

Posta un commento