giovedì 26 novembre 2015

Violenza assistita: l'altra faccia della violenza contro le donne



Ieri è stata la giornata contro la violenza sulle donne, ricorrenza che ogni 25 novembre, da quando nel 1999 la giornata internazionale è stata istituita dall'ONU, porta il mondo politico e la società civile a riflettere su un fenomeno bollato dalle Nazioni unite come "una seria minaccia per il progresso".
Un fenomeno che ha tante facce e spazia dai crimini atroci commessi contro le donne e le ragazze nelle zone di conflitto agli abusi domestici. La giornata per l'eliminazione della violenza contro le donne è stata anche il primo dei 16 giorni di attivismo contro la violenza di genere, 16 giorni che termineranno simbolicamente il 10 dicembre, giornata per i diritti umani.  Nel mondo una donna su tre ha subito nel corso della sua vita violenza fisica o sessuale, percentuale che sale drasticamente fino a raggiungere in alcuni paesi il 70% della popolazione femminile. 
Tante sono le forme di violenza contro le donne, tante quelle che, anche da noi, si celano dietro le mura domestiche, gravi e drammatiche le conseguenze. Maltrattamenti che spesso si ripercuotono sui bambini vittime di quella che viene definita violenza assistita. Un fenomeno che si verifica ogni volta che un minore assiste ad atti violenti tra familiari.






“Le violenze sulle donne, quando sono madri, colpisce anche i bambini che assistono agli episodi di maltrattamento, lasciando su di loro tracce indelebili" ha ricordato Raffaela Milano, direttrice  dei Programmi Italia – Europa di Save theChildren. Secondo i dati Istat dello scorso giugno, e ripresi dall’Atlantedell’infanzia a rischio in Italia,  più del 65% dei figli delle donne che hanno subito violenza hanno assistito agli episodi di sopruso. Figli che in un caso su quattro sono stati essi stessi vittime di violenza, con un 4,5% di bambini che è stato spesso coinvolto. “Nel 2014 sono stati 50mila i casi dei bambini diventati essi stessi oggetto di gravi minacce da parte di partner aggressivi e violenti, come forma di ritorsione contro le madri. Anche questi bambini sono vittime di quelle violenze ed è fondamentale proteggerli e tutelarli da ogni forma di maltrattamento, che in questi casi è soprattutto una violenza psicologica” questi i numeri dell’allarme lanciato da Save the Children alla vigilia del 25 novembre.

Una violenza quella assistita che può avere gravi effetti a breve e a lungo termine. “I bambini non sono mai semplici spettatori e spesso queste situazioni familiari hanno su di loro un impatto drammatico sia di tipo fisico e psicologico che morale, con ripercussioni che possono durare tutta la vita” ha spiegato ancora Raffaella Milano. Il contesto in cui questa violenza si manifesta è quello dei maltrattamenti in famiglia, un fenomeno spesso ancora negato anche dalle stesse donne, vittime che, in alcuni casi, non si allontanano dai partner violenti per non turbare i figli, figli la cui serenità è però di fatto compromessa da ciò che sono costretti a vedere o a vivere anche se indirettamente.  

“Bisogna sensibilizzare, formare e lavorare in collaborazione con pediatri, insegnanti, operatori delle forze dell’ordine e con tutti coloro che possono svolgere un ruolo attivo nell’individuare e nel proteggere i bambini che vivono questo dramma tra le mura domestiche, promuovendo la crescita di una formazione specifica nel nostro paese per la prevenzione e per la presa in carico delle vittime”: questo l’appello lanciato dall’organizzazione umanitaria per contrastare il fenomeno. Contrasto, presa in carico e prevenzione possono inoltre contribuire a rendere meno drammatico il futuro. C’è, infatti, un altro dato che non può essere trascurato: chi assiste alla violenza del padre sulla madre corre un rischio più elevato di essere a sua volta un partner violento.  Dato che, anche isolato, rende più urgente rispondere alla necessità di potenziare “su tutto il territorio nazionale la rete dei servizi sociali e sanitari per contrastare la violenza assistita, un fenomeno gravissimo e ancora oggi troppo spesso trascurato”






3 commenti:

  1. Ciao! Il tuo post è molto interessante per cui l'ho inserito nella mia top of the post settimanale!
    Grazie,
    Nema
    http://lanemina.blogspot.it/2015/12/top-of-post-301115.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina