mercoledì 17 febbraio 2016

MABASTA: ragazzi contro il bullismo














"E' molto meglio fare che semplicemente parlare" raccontano i ragazzi dell'istituto di Lecce Galilei-Costa. Per questo motivo hanno avviato una rete per dire no al bullismo. L'associazione, al momento informale, si chiama MABASTA che per esteso si scrive : Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti. Ad oggi i ragazzi hanno aperto un pagina fb stanno progettando un sito web e hanno lanciato piccoli video-spot e foto per raccontare, descrivere e diffondere cos'è il bullismo e come arginarlo.

Cosa vuole fare MABASTA? Vuole portare informazione. Far emergere le storie di bullismo: far raccontare sia chi li subisce,  ma anche  raccogliere le storie dei bulli "perché forse sono loro ad aver più bisogno" spiegano i ragazzi del Galilei-Costa.
Perché nasce MABASTA? Nasce in riposta ai fatti descritti di recente dalla cronaca tra nord e sud Italia. A Pordenone si è concluso con un tragico suicidio di un ragazzina di tredici anni. In Campinia un ragazzino è stato legato ai binari del treno “per scherzo”.
Ma Cos'è il bullismo? La parola bullismo è una traslazione dal verbo Inglese To bull che possiamo tradurre con: usare prepotenza, maltrattare, intimidire. Il Bullismo ha tre caratteristiche distintive: è un comportamento volontario e intenzionale, è sistematico e continuo nel tempo, ed una relazione tra vittima e carnefice asimmetrico: tra chi sta sopra e usa il potere (spesso con altre persone) e chi sta sotto, la vittima. Le conseguenze per la vittima sono diverse e possono essere più o meno gravi: senso di inadeguatezza e abbassamento dell'autostima. Qui potete scaricare un piccolo libro redatto da Telefono Azzurro
A che età comincia il bullismo? Già alle scuole dell'infanzia dai 4 anni. I bulli sono sia maschi (in maggior parte) che femmine (1 bullo su 6 risulta essere bambina).

          

          

Nessun commento:

Posta un commento