sabato 1 ottobre 2016

Modena: al Triva un nido al sabato e un centro invernale




Liste d’attesa accorciate, un nido il sabato mattina e un servizio per bambini da uno a tre anni aperto durante la chiusura natalizia delle altre strutture educative. Sono alcune delle novità annunciate dall’assessore alla scuola del comune di Modena Gianpietro Cavazza che nei giorni scorsi ha risposto alle interrogazioni dei consiglieri Simona Arletti (Pd) e Domenico Campana (Per me Modena).


LISTE D’ATTESA – L’assessore ha spiegato che, per effetto delle rinunce, la graduatoria dei bambini in lista d’attesa si è ridotta. Prima dell’avvio dell’anno educativo 173 famiglie hanno rinunciato al servizio facendo sì che il numero di domande passasse dalle iniziali 1105 alle attuali 932 a fronte di 731 posti nido. Cavazza, inoltre, ha ricordato che negli ultimi anni si è verificato un trend costante di rinunce nel corso dei primi mesi dell’anno scolastico, trend che si aggira intorno al 30% e che se confermato permetterà di accorciare ulteriormente le liste d’attesa. L’assessore ha poi aggiunto che ogni anno permane una quota di domande inevase che coesiste con posti vuoti all'interno delle strutture; ciò accade perché un certo numero di famiglie è interessata esclusivamente ad un posto in uno specifico nido. Cavazza ha anche confermato la disponibilità dell’amministrazione a stanziare ulteriori risorse se si verificasse la necessità di ampliare l’offerta.

POLO TRIVA  Nel suo intervento Cavazza ha affermato che da quest’anno è stata ampliata “ l'offerta di servizi integrativi che accolgono bambini e famiglie insieme per permettere percorsi di socializzazione e inclusione già dai primi mesi di vita”. Tra questi l’assessore ha citato i nuovi spazi “Primo incontro” al Polo Triva e al Momo che ospitano anche due nuovi centri bambini- genitori. I nuovi spazi Primo Incontro sono dedicati al gioco con mamma e papà, per scoprire il mondo del bambino e condividere la propria esperienza di genitore nel primo anno di vita del figlio. Tra le novità in arrivo negli spazi del Triva figurano anche un centro invernale e un nido aperto al sabato. Il primo – rivolto a bambini da 1 a 3 anni – accoglierà i piccoli durante la pausa natalizia mentre il secondo ospiterà 15 bambini frequentanti i servizi educativi a cui saranno proposte attività di laboratorio. Inoltre il Triva potrà ospitare corsi di cucina rivolti ai genitori e corsi di formazione per le neo mamme e i neo papà. Il nuovo polo verrà inaugurato il 22 ottobre e tutte le proposte che vi troveranno spazio punteranno a fornire risposte flessibili in grado anche di intercettare le famiglie che rinunciano al nido tradizionale. Al Triva ha anche  trovato posto il Servizio lettura Il Sognalibro a disposizione di  tutti i servizi per l’infanzia, delle scuole primarie, di enti e strutture che si occupano di bambini e adulti disabili, di famiglie e genitori.



EX NIDO TODI Nel rispondere al consigliere Campana circa il futuro del Todi che da un anno ha cessato di essere un nido, Cavazza ha spiegato che la struttura sarà destinata ad accogliere servizi educativi rivolti alla fascia 3-6 anni. “Si sta predisponendo un bando pubblico per affidare il Todi a soggetti interessati a fornire un’ulteriore offerta di servizio per bimbi 3-6 anni. Considerato che abbiamo avuto diverse proposte di avviare attività sperimentali di scuole d'infanzia, ci sembra che attraverso il bando si possa fare una proposta innovativa sia negli orari che nella didattica” ha spiegato l’amministratore. 

Nessun commento:

Posta un commento