martedì 3 febbraio 2015

#LOTTOANCHIO, un selfie e una donazione per la lotta ai tumori infantili



Cresce ogni giorno il numero di coloro che partecipano al progetto progetto #LOTTOANCHIO.
L'obiettivo è quello di raccogliere 10.000 euro, cifra che permetterà ad AGEOP  di garantire un anno di ospitalità presso nelle case di accoglienza dell'associazione ad un bambino malato di tumore e alla sua famiglia. Il progetto può essere sostenuto con una donazione accompagnata da un selfie condiviso con l'hashtag #LOTTOANCHIO. Basta digitare questa frase per vedere le tante foto già condivise da chi ha preso parte all'iniziativa: bambini, professionisti, musicisti, famiglie hanno indossato i guantoni verdi per mostrare il loro impegno nella lotta ai tumori infantili accanto ai piccoli pazienti e alle loro famiglie.
L'idea è scaturita da un desiderio espresso da Andrea, un bambino di 5 anni, dopo il trapianto di midollo osseo.  "Adesso voglio la maschera dell'incredibile Hulk, perché ora sono più forte", una frase che racchiude nella sua semplicità un importante messaggio: i tumori possono essere battuti, ma occorre una grande forza. Forza che Ageop, da oltre trent'anni, cerca di infondere ai bambini e alle famiglie che varcano la soglia del reparto di Oncoematologia Pediatrica del policlinico Sant'Orsola di Bologna.

AGEOP
 In Italia ogni anno si ammalano di tumore 1600 bambini e 1000 adolescenti. Ageop ogni anno assiste 250 piccoli pazienti e i loro genitori.  Ageop (Associazione Genitori Ematologia Oncologia Pediatrica) è nata nel 1982.  L'associazione è stata fondata da un gruppo di genitori con l'intento di offrire sostegno e supporto a coloro che si sarebbero trovati a vivere la loro stessa esperienza. Nel 1989 dall'unione di Ageop con l'associazione "Ricerca sui tumori e leucemie del bambino" è nata AGEOP RICERCA.
Oggi l'associazione affianca i genitori nel loro percorso, gestisce 4 case di accoglienza, organizza progetti terapeutici e laboratori creativi, forma volontari qualificati, finanzia i contratti di 4 medici, 5 biologi e 3 psicologhe. I fondi raccolti con il progetto #LOTTOANCHIO sono destinati a garantire ospitalità presso le case di accoglienza che ospitano i bambini e le loro famiglie. L'assistenza gratuita permette alle famiglie di far accedere i bambini alle cure anche quando queste possono essere garantite da strutture lontane da casa. In tanti casi uno dei due genitori si trova costretto a lasciare il lavoro per assistere il figlio nel suo percorso terapeutico, una scelta che ha ripercussioni anche sul piano economico: l'accoglienza nelle case permette al genitore di stare accanto al bambino, una vicinanza che può avere risvolti positivi anche sulle cure.

8 febbraio, Giornata Mondiale di lotta al cancro infantile.
Domenica 8 febbraio si celebra la Giornata mondiale di lotta al cancro infantile. In occasione di questa giornata AGEOP ha organizzato una serie di eventi che dalle 10 alle 17 animeranno Piazza Maggiore. Il cartellone è molto ricco e rivolto a tutti. Tanti gli eventi pensati per i più piccoli: i bambini potranno scegliere tra il Corner dei golosi e il Corner degli artisti. I giovanissimi amanti della lettura potranno prendere parte ai laboratori di letture animate alla libreria Giannino Stoppani e gli scienziati in erba potranno dilettarsi con il Laboratorio delle Scienze organizzato dalla Fondazione Marino Golinelli. Tanti anche gli appuntamenti dedicati agli sportivi e ai curiosi.
Alle 17:30 nell'Auditorium Biagi della Sala Borsa ci sarà la premiazione, condotta da Malandrino e Veronica, dei partner di #LOTTOANCHIO. La serata si concluderà con " Catalano solo Reading", le letture con navigazione a vista di Guido Catalano.  Tutte le attività sono ingresso libero e il calendario completo degli eventi può essere consultato sul sito di Ageop.




Nessun commento:

Posta un commento