venerdì 13 novembre 2015

Libertà di espressione, dal 14 al 22 novembre torna "Bologna città dei bambini e delle bambine "


Sarà la libertà di espressione, sancita dall’ art 13 della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il filo conduttore della nuova edizione di Bologna città delle bambine e dei bambini. Il diritto alla libertà di espressione comprende la libertà di “ divulgare informazioni e idee di ogni specie, indipendentemente dalle frontiere, sotto forma orale, scritta, stampata o artistica, o con ogni altro mezzo a scelta del fanciullo” e quella di ricevere informazioni adeguate.
Nata per celebrare la giornata internazionale dei diritti dell’infanzia, la kermesse, coordinata dal Comune, animerà la citta con nove giorni di eventi dedicati ai bambini e a chi, genitori, educatori, insegnanti si occupa di infanzia.  Dal 14 al 22 novembre biblioteche, teatri, musei e tanti luoghi che quotidianamente ospitano i bambini e le loro famiglie ospiteranno i tanti eventi gratuiti in programma.

Per celebrare la Giornata Mondiale dei diritti dell’infanzia, il 20 novembre il Consiglio Comunale si riunirà in seduta solenne. 
Il 14 novembre al Teatro Testoni ci sarà un nuovo convegno dedicato all’Outdoor education, l’educazione all’aperto. Giunto alla sua terza edizione, il convegno, organizzato da Comune, Università, Fondazione Villa Ghigi e Rivista Infanzia, ruoterà intorno agli spazi esterni come risorsa didattico educativa. Quest'anno al centro ci sarà il tema della progettazione degli spazi. 

Domenica 22 novembre nella sala Tassinari di Palazzo d’Accursio, alle 11, Roberto Piumini e Massimo Montanari accompagneranno i più piccoli alla scoperta diSpaghetti e pomodoriAi piccoli lettori e alle loro famiglie è dedicata anche l’iniziativa “la Biblioteca va a teatro” organizzata dal Testoni Ragazzi in collaborazione con la Sala Borsa Ragazzi. È, invece, rivolta  a genitori, educatori ed insegnanti la tavola rotonda “Come (non dirlo) ai bambini" proposta dal Mambo : l’albo illustrato La nonna addormentata di  Roberto Parmeggiani servirà da spunto per una riflessione su cosa sia giusto o meno raccontare ai bambini.


Per il calendario completo clicca qui. 

Nessun commento:

Posta un commento