lunedì 19 dicembre 2016

Che freddo alle scuole d'infanzia di Bologna!





Cronaca cittadina. Che freddo che fa alle scuole d'infanzia Marsili e Attilia Neri di Bologna! "I bambini hanno freddo sopratutto durante la nanna" ci racconta Agnese Pignoloni genitore della scuola Neri. E non c'è da dubitare perché i gradi, nelle scuole in questione, si aggirano intorno ai 17, mentre le indicazioni e il buon senso, ci dicono che la temperatura negli edifici scolastici dovrebbero essere di 20 gradi. A memoria dei genitore le temperature nelle scuole sono così basse almeno da 5 anni. A febbraio del '15 sono scese anche a 15 gradi. L'Istituzione Educazione e Scuola (IES) alle segnalazioni da parte degli utenti rispetto: al cattivo isolamento dell'edificio, al cattivo stato degli infissi, e alla sommaria manutenzione e pulizia dell'impianto di riscaldamento, hanno risposto più o meno così: "accenderemo i termosifoni prima, verso le 4 di notte, invece che aspettare le sei del mattino". Il problema però non c'è solo in inverno ma si verifica anche in estate, quando le temperature salgono a 40 gradi. Per essere più precisi i genitori si sono equipaggiati con termometri che hanno disposto nelle diverse sezioni. In questi giorni che il problema del freddo si è ripresentato, Lucia Melotti, genitore della scuola Neri, ha fotografato e inviato l'immagine dei termometri a chi di dovere: vicesindaco, amministratori comunali, pedagogisti e presidente di quartiere. "Ci hanno risposto che si accenderanno di più i termosifoni, 24 ore al giorno, anche sette la settimana- ci racconta la Melotti- ma questa è un tamponamento all'emergenza. E' una soluzione che non ci può soddisfare sia per lo spreco energetico che per lo spreco di risorse pubbliche. Quello che vorremmo sapere è quando si avvieranno i lavori di ristrutturazione dell'edificio." Gli edifici che ospitano nidi e scuole d'infanzia che sono in cattive condizioni sono tanti in città, secondo di genitori, ma ad oggi, non è stata comunicata alcuna pianificazione dei lavori. 

Nessun commento:

Posta un commento