venerdì 6 aprile 2018

Cambiano le modalità per il bonus babysitter e nido

www.BolognaNidi.it
 


 

 

 


 

Cronaca bambina L’INPS ha pubblicato nuove istruzioni per presentare domanda e beneficiare del contributo di 600 euro. Anche quest’anno sarà possibile richiedere i voucher per i servizi di babysitting e asilo nido. Diverse le modalità di utilizzo rispetto agli anni precedenti. Il contributo che si può richiedere, rinunciano al congedo parentale, dovrà essere utilizzato tramite il libretto famiglia. Come fare domanda?

 

Bonus babysitter e asilo nido cos’è?

Il bonus è una prestazione a sostegno del reddito e della natalità. E’ erogato dall’Inps. Il primo requisito è quello di rinunciare al congedo parentale. Verrà rilasciato dall’Inps dei voucher telematici per il pagamento di baby sitter o asilo nido dal valore di 600 euro mensili e dalla durata di 6 mesi, o 3 mesi nei casi di lavoratrici autonome iscritte alla Gestione Separata.

 

Bonus Babysitter e asilo nido: cosa non cambia?

Rispetto agli anni precedenti non cambiano i requisiti, l’importo e le regole per poter richiedere il bonus baby sitter 2018 e asilo nido. Quindi le donne lavoratrici, dipendenti o autonome, che rinunciare al congedo parentale, potranno farne richiesta, entro 11 mesi dal termine del congedo di maternità, e per un massimo di sei mesi. Diverse invece le procedure e le destinazione del bonus.

Bonus Babysitter e asilo nido cosa cambia?

Cambiano le modalità di utilizzo. La procedura sarà esclusivamente telematica e la madre dovrà registrarsi alla Piattaforma di lavoro Occasionale e Libretto famiglia, selezionando la voce “acquisto di servizi di baby-sitting”.

Bonus Babysitter e asilo nido: passo, passo

Dopo la registrazione, si dovrà procedere all’appropriazione telematica del contributo per l’acquisto dei servizi di baby-sitting entro e non oltre 120 giorni dall’accoglimento della domanda altrimenti si perderà il beneficio. Le beneficiarie del bonus dovranno inserirare le prestazioni lavorative entro il 3 del mese successivo rispetto a quello di svolgimento delle prestazioni stesse, per garantire il pagamento nei termini di legge da parte dell’INPS.

Bonus nido 2018

Il bonus asilo nido 2018, invece, consiste in contributo del valore di 600 euro massimo mensili erogati dall’INPS per pagare la retta dell’istituto scelto dalla lavoratrice che ha rinunciato al congedo parentale. L’importo è erogato soltanto se il servizio viene svolto in una struttura presenti nell’elenco pubblicato sul sito Inps. Si ricorda inoltre che si tratta di un contributo diverso dal bonud nido di 1000 euro. I due benefici non potranno essere richiesti per mensilità coincidenti.

 

Fonte Inps: clicca qui per fare domanda









 

Nessun commento:

Posta un commento