martedì 17 aprile 2018

I bambini sanno quando siamo felici, tristi, arrabbiati...


















Scienza Bambina Genitori, educatori e nonni state attenti a quel che dite e fate davanti ai bambini. Spesso gli adulti sono propensi a pensare “tanto è piccolo, non capisce” ... invece i bambini fin da piccolissimi ci conoscono e ci capiscono molto meglio di quel che siamo propensi a pensare. Alcuni ricercatori svizzeri si sono posti il problema: “Ma i bambini sanno capire e interpretare le emozioni delle persone che li circondano? Lo studio, ancora in fase iniziale, è condotto dalla facoltà di psicologia dell’Università di Ginevra. I primi risultati? Sorprendenti!



Capire e interpretare gli altri

La domanda che si sono posti i ricercatori di Ginevra in realtà è più complessa di quello che potrebbe apparire. I bambini hanno la capacità di distinguere le espressioni dei volti e prediligono i volti che esprimono felicità. questo lo sappiamo già. Ma i ricercatori del BabyLab, l’ateneo che studia lo sviluppo senso-motorio affettivo e sociale dell’età evolutiva si sono chiesti se i piccoli sono in grado di riconoscere i sentimenti oltre a classificare le caratteristiche dei volti.

L’esperimento come si è svolto?

I ricercatori ginevrini fino ad ora hanno coinvolto 24 bambini di sei mesi ad un semplice esperimento. Un esercizio svolto in due fasi.
Nella prima fase i bambini hanno ascoltato delle voci che esprimeva sentimenti come felicità, rabbia o una NON espressione, usando un tono privo di sentimenti, per circa 20 secondi. Nella seconda fase hanno mostrate immagini di volti che esprimevano felicità o rabbia, per circa 10 secondi.

Tramite una tecnica specifica hanno poi misurato quanto lo sguardo si soffermasse su un particolare più che un altro. “Se i bambini avessero guardato i volti felici o arrabbiati allo stesso modo- hanno spiegato gli autori in un nota pubblica- non sarebbe stato possibile concludere che ci fosse una differenza- invece se avessero guardato una faccia molto più a lungo dell’altra, avremmo potuto affermare che sono in grado di individuare una differenza tra i due volti”.
Cosa è risultato?

Dopo aver ascoltato la voce felice i bimbi si sono soffermati più a lungo sulla faccia arrabbiata in particolare sulla bocca della faccia arrabbiata. Una preferenza che dimostra, secondo i ricercatori, come i piccoli abbiano già a sei mesi la capacità di trasferire informazioni emotive sulla felicità dall'udito alla modalità visiva e cogliere la sorpresa del contrasto. In sostanza già a sei mesi i bambini hanno la capacità di comprendere e intuire l’emozione al di là del contesto e della comprensione dei discorsi magari complessi e articolati.

Nessun commento:

Posta un commento