martedì 10 aprile 2018

Speciale elezioni rsu Bologna: parola a Elisa Braga per UIL








 












Intervista a... Quarta intervista. Dopo Cristina Zamboni, oggi incontriamo Elisa Braga per il Uil. Lei è educatrice al nido Gozzadini e racconta di lavoro e diritti tra presente e passato, ponendo il bambino, al centro del ragionamento.
 



Qual è la priorità per i nidi e le scuole d’infanzia di Bologna?

La prima che mi viene in mente sono le sostituzioni. Mancano costantemente le supplenti e questo è un problema da affrontare quanto prima. La coperta è corta per tutti, le supplenti mancano, ed è un continuo chiedere... Noi educatori e maestre contiamo di continuo i bambini: per capire quanti ce ne sono, quanti ne arriveranno, chiedendoci quanti ne arriveranno in ritardo, tutto per sapere se possiamo avere un supplente quel giorno. E’ pesante e difficile lavorare così, sopratutto durante l’ambientamento dei bambini. Ma ci sono anche novità all’orizzonte che vedo positive.

Quali novità?

Il nuovo contratto nazionale, che ha suscitato molto scontento, ha anche degli aspetti positivi. Non voglio negare le criticità che ci sono, ma per natura sono propensa a pensare positivo. Per la prima volta nel contratto si prevede l’istituzione di una commissione paritetica per il personale educativo e scolastico. Questa commissione dovrebbe garantire un maggiore confronto e dal confronto, potrebbero emergere le reali esigenze della categoria. Lo ritengo un passaggio importante, poi certo per ora è sono solo parole sulla carta, tocca a noi farlo vivere nel migliore dei modi.

I servizi educativi 06 a Bologna come stanno? 
 
Preferisco parlare dei nidi che sono la realtà che conosco meglio e che posso descrivere più fedelmente, perché li vivo da dentro tutti i giorni. Fermo restando che ogni nido è a sé, e che il nido dove lavoro è diverso e unico, direi che in generale nel tempo è venuto a calare l’entusiasmo. Sono molti i momenti collettivi che abbiamo perso. La formazione una volta era splendida! Quando tornavi da certe lezioni, eri davvero motivata al massimo.

Formazione con chi?

Ricordo le lezioni di Nino Loperfido, o le lezioni di una docente di Reggio Emilia, una pedagogista fantastica. C’erano poi assemblee in cui ci si incontrava tutte insieme. Se la lezione doveva cominciare alle nove ci si attardava sempre, perché non si finiva più di abbracciarsi e baciarsi, di confrontarsi e raccontarsi... Ora questi momenti non ci sono più. La voglia di fare, e di fare bene c'è e c’è ancora a anche tra chi sta andando in pensione, ma diciamo non c'è più quell'entusiasmo travolgente. Si fanno commissioni, importanti e interessanti, la formazione c'è ancora, ma non si respira più quel clima. E non è cambiato solo questo.

Cosa altro è cambiato?

Oggi ci sono più moduli da compilare, più scartoffie da scrivere, più tempo da passare al telefono. La centralità del bambino non è più così centrale, c’è molto altro da fare...per quanto possa sembrare marginale, personalmente credo, che organizzando più momenti di aggregazione cittadina, si potrebbe tornare a respirare un clima più propositivo e sereno.









Nessun commento:

Posta un commento