martedì 12 giugno 2018

Il Nuovo Governo al lavoro sull’infanzia


















Cronaca Bambina Il nuovo governo è all’opera. E sul fronte infanzia si intravedono le tendenze politiche che sono in perfetta sintonia con le tendenze riservate agli adulti. La nave Aquarius viene respinta dal neo Ministro  Matteo Salvini e il suo carico è composto da oltre 600 persone, 123 sono minori, 11 i bambini e tante donne...sette delle quali incinta.




Save the children e non solo loro, lanciano un appello per chiedere umanità e sostengo almeno nei confronti dei minorenni. Salvini respinta la nave ai vicini Spagnoli soddisfatto esclama: VITTORIA, fare la voce grossa serve a qualcosa finalmente un po’ di giustizia!



Il neo ministro alla famiglia e della disabilità Lorenzo Fontana in una recente intervista al Corriere della Sera, un po’ per scherzo, un po’ sul serio, dichiara che il suo maggiore impegno sarà quello di far crescere le nascite che nel nostro paese, di anno in anno, e da anni sono a segno negativo. Come? Dissuadendo le donne ad abortire nei consultori e inserendo, anche in farmacia, obiettori di coscienza a NON vendere la pillola del giorno dopo.



Il neo ministro all'Istruzione Marco Bussetti si è messo subito al lavoro e accantonando le stupide domande dei giornalisti, rispetto all’uso dei cellulari a scuola, va diritto al punto e alla questione più spinosa e urgente! Quella delle tante maestre diplomate (circa 50 mila circa) che sono state estromesse dall’insegnamento all’infanzia e alla primaria in tutt’Italia. Come? Bussetti sta studiando con i tecnici del ministero. Quel che si profila è una vecchia e cara sanatoria. Si aprirà una nuova graduatoria dove si ritroveranno i vincitori dell'ultimo concorso, e non le laureate in Scienze della formazione, le diplomate? Staremo a vedere. Ma al momento non si profilano NUOVE soluzioni a vecchi problemi per la scuola. Mentre per i bambini, quelli nati fuori dall’Italia e quelli che ancora non sono nati, si profilano soluzioni quanto meno fantasiose.

Nessun commento:

Posta un commento