martedì 5 giugno 2018

Pescara mense chiuse, 120 bambini al pronto soccorso: una mamma racconta











 



Cronaca Bambina A Pescara la mensa della scuola è chiusa. Tanti bambini all'ospedale oltre 120 di cui 20 ricoverati. (leggi qui) Incontriamo Patrizia Amico genitore  e rappresentante di classe di una scuola primaria di Pescara, dove però la cucina è interna e non ci sono stati malori. Con Amico ricostruiamo il clima che si respira  nel capoluogo Abruzzese. Da poco è stato individuato il battere responsabile del malessere è il Campylobacter. Un battere che apre essere presente nella carne poco cotta. Intanto i genitori online protestano per l'ordinanza del sindaco che non consente di consumare il pasto di casa direttamente a scuola. 
     


Patrizia Amico ci racconta brevemente cosa è successo?
C'è stata un'epidemia dovuta ad un pasto consumato giovedì scorso in diverse scuole della città. Tantissimi bambini hanno avvertito dolori addominali e febbre alta. In un primo momento erano aperte tutte le ipotesi compresa quella di un virus. Da poche ore invece hanno individuato il batterio responsabile ed è il Campylobacter.

Che clima si respira tra i genitori?
Rabbia, paura, sconforto. E' vero che per fortuna non ci sono state gravi conseguenze, ma i tempi di ripresa saranno comunque lunghi e parliamo di bambini molto piccoli tra i 3 e gli 11 anni. La maggior parte dei bambini sono della scuole materne. 

Come commentano i genitori?
Sono molto arrabbiati. C'è chi sostiene che è un problema annunciato e che il servizio mensa non ha mai funzionato a dovere. Chi non vuole pagare più la retta. La rabbia è tanta c'è anche tanta paura. Ripeto non è successo nulla di grave ma trascorrere il fine settimana all'ospedale, con i figli che stavano male e per ore in attesa senza sapere nulla di certo  è stato davvero pesante.

Ci sono stati altri problemi con la mensa?
A mio parere c'è stato un miglioramento dopo che si è istituito un osservatorio mensa che ha portato ad una maggiore variazione del menù e un minor uso di surgelati. Ma di questo non sono particolarmente informata perché nella mia scuola la mensa è interna e devo dire di qualità.

Patrizia Amico lei è anche un avvocato i genitori stanno pensando ad un'azione legale?

E' presto per capire che strada intraprendere. La procura è al lavoro aspettiamo i risultati per individuare e verificare le responsabilità. Dopo valuteremo come muoverci ma sono certa che i genitori andranno fino in fondo alla questione.    

   

   
  


  



   

Nessun commento:

Posta un commento