sabato 26 marzo 2011

Filonido: il nuovo nido interaziendale











A settembre un nuovo nido andrà a sommarsi ai già esistenti diminuendo le interminabili file di attesa dei piccoli, avrà per nome Filonido, è bello, è utile ed è privato, privato a concessione. Guardiamolo con maggiore attenzione. Offrirà 60 posti, 60 posti che potranno estendersi fino a 69 a seconda delle necessità (numero che va a coincidere con molti nidi in chiusura per ristrutturazione).
I bimbi accolti saranno compresi in un'età tra i tre mesi e i tre anni. La lista d'accesso come funziona? Come le altre, quindi  è gestita dal comune, tramite domanda congiunta alla presentazione isee, dopo di che si entra in graduatoria. Filonido sebbene rientri nel sistema educativo comunale, è interaziendale. Pensato e progettato per i figli dei dipendenti di Regione, Unipol, Hera e Legacoop ha 20 posti riservati ai bimbi residenti a Bologna. Precisiamo i numeri: 20 i posti riservati alla regione, 15 a Unipol, 3 ad Hera e 2 a legacoop. Dopo una  gara d'appalto pubblica sarà gestito (indoviniamo?) da Karabak 9, consorzio di cooperative così composto per l'occasione: Camst, Cadia, Dolce e Cipea. La regione ha stanziato 2 milioni di euro per la realizzazione, il comune ha fornito il terreno (il nido sorgerà in via della Villa) e Karabak9 gestirà il servizio a concessione. Il tempo di durata della concessione varia a seconda dell'investimento, di media si  aggira tra i 25/30 anni. L'asilo rientra nel canale di supervisione comunale, così come tutti i nidi a concessione o convenzione sarà poi la "sovrastruttura" di gestione del comune, di provincia e della regione, ha tutelare la qualità del servizio. Questo anche grazie alla legge del 2004, che ha fatto rientrare gli asili aziendali sotto tutela pubblica migliorando sicuramente la qualità di quest'ultimi. Filonido è stato pensato come costruzione eco (se possiamo così semplificare) quindi con materiali ad impatto ridotto, su un unico piano, ha un tetto piano dove camini del vento riesco ad autoregolare il calore raffreddando e riscaldando l'ambiente interno. Il suo interno è pensato, tipo casa tipica giapponese, con pareti scorrevoli in grado di riprogettare lo spazio a seconda delle esigenze del momento, di gioco, o educazione (un po' come il vetusto Coccheri che andrà in ristrutturazione) . Dal punto di vista architettonico il nido eccelle da tutti i punti di vista. Ma c'è di più perché oltre al normale servizio che viene offerto da tutti gli altri nidi, con una spesa aggiuntiva (che la famiglia decide di versare o meno) si possono aggiungere servizi, tipo ho un'emergenza e l'orario si prolunga,oppure l'opzione orario prolungato una permanenza, con servizio cena, che si può protrarre fino a 10,30 ore al giorno. Questo per i frequentanti. Per i non frequentanti Filonido offre il servizio Tipo da neve, e tipo da spiaggia per prolungare la permanenza al nido anche durante le feste di natale, pasqua ed estive. Una domanda: ma l'idea è quella di far lavorare i genitori del 2011 come i minatori del '900 mentre i bimbi crescono altrove?

1 commento:

  1. "Una domanda: ma l'idea è quella di far lavorare i genitori del 2011 come i minatori del '900 mentre i bimbi crescono altrove?"

    Invece di lottare perchè ai genitori sia garantito un orario di lavoro compatibile con la crescita in famiglia dei nostri figli, spesso chiediamo che il nido sia sempre aperto.

    RispondiElimina