giovedì 21 settembre 2017

Legge 0-6: la denuncia del coordinamento nazionale per le politiche dell'infanzia

BolognaNidi











  


Cronaca Bambina. In questi giorni al Miur si è svolto un incontro tra l'Amministrazione Pubblica e il Coordinamento Nazionale per le politiche dell'infanzia. Durante l'incontro si è affrontato anche un tema particolarmente delicato e controverso ovvero l'attuazione della legge 65/2017, meglio nota come legge 0-6.

lunedì 18 settembre 2017

Conciliazione famiglia-lavoro. Un sostegno ai genitori


 
BolognaNidi










Cronaca Bambina. Firmato il decreto di conciliazione tra il ministro del Lavoro e il ministro dell'Economia. In arrivo 110 Milioni, da dividere in due anni, alle imprese che investiranno in conciliazione famiglia-lavoro. L'accordo pare fare contenti tutti i soggetti coinvolti. Le imprese avranno sgravi, sui contributi da versare INPS, mentre i sindacati avranno voce in capitolo. Infatti per poter accedere agli sgravi le imprese dovranno siglare un accordo con i rappresentanti sindacali. Un decreto fortemente voluto da Cgil, Cisl e Uil.

giovedì 14 settembre 2017

La prima scuola dedicata al pedagogista della lentezza


 
BolognaNidi














Cronaca Bambina. “Sarebbe interessante se nei nostri comuni cominciassero ad esserci gli Assessori alla Fantasia o alla Creatività” Ha dichiarato qualche anno. Forse per l'assessore alla Fantasia dovremmo aspettare ancora un po' ma nel frattempo ci accontentiamo della prima scuola dedicata alla lentezza. Lui è’ Gianfranco Zavalloni e ieri il comune di Rimini gli ha dedicato una scuola d'infanzia. E' stato il primo maestro (maschio) di scuola materna ma è anche stato anche ecologista, pedagogista, scrittore, burattinaio, pittore, disegnatore e ceramista e...in generale un vero maestro di creatività. Pedagogista attento e raffinato ha anticipato molti temi che oggi sono entrati a far parte (ancora troppo poco spesso) delle scuole d’infanzia e non solo. Nato a Cesena nel ‘57 è morto prematuramente nel 2012, quando era responsabile dell’Ufficio Scuola del Consolato d’Italia di Belo Horizonte in Brasile.

mercoledì 13 settembre 2017

Vaccini: un rientro a scuola tutto all'Italiana

BolognaNidi













Cronaca Bambina. Succede un po' in tutt'Italia. I bambini tornano a varcare le soglie delle scuole, senza però essere in regola con le certificazioni peri vaccini. A Roma si registra la maggiore confusione. ieri la preside Donatella Gentilini della scuola d'infanzia in zona La Rustica ha rimandato a casa alcuni piccoli studenti. "Su 263 alunni in 97 non erano in regola con la documentazione sulle vaccinazioni. Buona parte l’ha regolarizzata in giornata, alcuni bambini però li abbiamo dovuti rimandare a casa invitandoli a tornare domani almeno con

martedì 12 settembre 2017

Unicef celebra la giornata Internazionale dei lasciti


BolognaNidi










Cronaca bambina. E’ fissata per domani 13 settembre la Giornata Internazionale dei Lasciti per sostenere l’Unicef nella sua missione di difesa per tutti i bambini del mondo. «Un lascito all’Unicef può concretamente fare la differenza per quei tanti, ancora troppi, bambini i cui diritti più elementari vengono completamente disattesi, dovendo lottare sin dalla nascita per la sopravvivenza» dichiara Giacomo Guerrera, Presidente di Unicef Italia in occasione della Giornata Internazionale dei Lasciti. «In questa Giornata speciale vogliamo ricordare e ringraziare tutti i nostri straordinari donatori che hanno voluto sostenerci attraverso un lascito all’Unicef nel proprio testamento e invitare tutte le persone che hanno a cuore i bambini a considerare che con un lascito all’Unicef possono veramente cambiare il loro destino”. I lasciti testamentari si trasformano in acqua, cibo, vaccini e nella possibilità di andare a scuola e di essere protetti dallo sfruttamento del lavoro minorile o sessuale. Un lascito per sostenere tanti bambini in difficoltà, come i bambini siriani, i bambini dello Yemen, del Sud Sudan... Sempre domani alle ore 9,30 a Roma presso Palazzo Montecitorio nella Sala della Regina della Camera dei Deputati, Unicef Italia sarà protagonista di un convegno insieme alle altre Organizzazioni per una riflessione corale sul significato del lascito solidale.

lunedì 11 settembre 2017

Il nido c'è ma non apre

BolognaNidi










Cronaca Bambina. Il nido c'è ed è anche nuovo. Gli iscritti non mancano, sono trenta, hanno "passato" la graduatoria e risultano regolarmente iscritti. I soldi per la gestione del nido risultano esserci... Sembra tutto in ordine eppure il nido non apre. Succede a Napoli e più esattamente al nido di Chiaia di Vico Santa Maria Apparente. La struttura avrebbe dovuto aprire domani, 12 settembre, ma è chiuso fino a data da stabilire. Sul portale del comune in un recente annuncio si legge "Si porta a conoscenza dell’utenza  che per l’avvio delle attività dell’Asilo Nido di Vico Santa Maria Apparente finanziato con fondi PAC, per l’anno scolastico 2017/2018 si attende il Decreto Ministeriale di approvazione del piano d’intervento, a seguito del quale si darà corso alla procedura di gara per l’affidamento della gestione del servizio" Una questione simile l'avevamo già affronta in giugno in una lunga intervista  con l'assessore di Napoli Annamaria Palmieri.

venerdì 8 settembre 2017

Schiaffi e violenza: agli arresti una maestra di 67 anni

BolognaNidi











Cronaca Bambina. E' agli arresti domiciliari la maestra G.T. anni 67 che lavorava presso una scuola d'infanzia di Brindisi (quartiere Cappucini). E' in attesa dell'interrogatorio del giudice per le indagini preliminari e dovrà rispondere dell’accusa di violenze fisiche e verbali sui piccoli studenti. La denuncia è partita dai genitori, e dopo le indagini dalla Squadra Mobile è scattato l'arresto ai domiciliari. Secondo il gip sono gravi gli indizi di colpevolezza raccolti dagli agenti. E a pochi giorni dall'avvio dell'anno scolastico è concreto e attuale è il pericolo di reiterazione del reato. I bambini secondo i verbali avrebbero subito "gratuiti insulti e ingiustificate percosse che, attesa la loro tenera età, difficilmente potevano venire in evidenza se manifestati o esplicitati dagli stessi pargoli i quali, notoriamente, sono spesso soggetti a provocarsi, mentre giocano, segni di ogni genere che dissimulano poi le conseguenze di azioni eventualmente più vigorose nei loro confronti". L'insegnante avrebbe "colpito ripetutamente con schiaffi sulla testa, sulle guance e sulle natiche, strattonati e/o li spinti", in tal modo la maestra avrebbe provocato "in più occasioni la rovinosa caduta in terra dei bambini" che sarebbero stati umiliati, ingiuriati e minacciati”. Parallelamente al procedimento penale, è stato aperto quello disciplinare che potrebbe portare al licenziamento.