lunedì 11 dicembre 2017

Democrazia, libertà e clima di rigore. Chi ci salverà?


BolognaNidi

















Pensieri e Parola… Descrivere i nidi, osservarne le regole, seguire le politiche a loro dedicate, ora in questa ora in quell’altra, è un modo di capire l’aria che si respira e cogliere il diffuso senso di iniquità. Da questo punto d’osservazione propongo alcune riflessioni rispetto: alla democrazia, al diritto dell’informazione e alla partecipazione cittadina.
I servizi educativi, lo sappiamo, non godono buona salute e questo nonostante i tanti passi avanti fatti negli ultimi tempi. Ora che l’affermazione della legge 0-6 da’ ha trovato una reale attuazione e arrivano anche i primi finanziamenti ai comuni da parte dello Stato, viene in evidenza anche l’incapacità di amministrare di molti politici locali.

sabato 9 dicembre 2017

Teniamo gli occhi aperti: lettera di una mamma "attiva"

BolognaNidi










Sono mamma di 3 bimbi che dal 2009 frequentano felicemente nidi e scuole di infanzia bolognesi. Sono una di quelle mamme “attive” e decisamente “rompi” che trovano nella scuola il proprio “impegno politico” di cittadinanza attiva. Fino a che gli impegni familiari me lo hanno permesso, ho fatto parte del comitato genitori 0-6 e ho seguito da vicino tutte le alterne vicende dei nidi e delle scuole d’infanzia bolognesi degli ultimi anni. Per questo motivo mi ha colpito e indignato l’annuncio dell’attuale Giunta di voler introdurre una tassa di iscrizione alla scuola di infanzia. Mi ha amaramente sorpreso soprattutto il completo dietro front del Sindaco su una questione che per anni ha sbandierato ai 4 venti: l’abolizione della tassa di iscrizione alla scuola di infanzia. Un po’ di storia e una piccola ricerca sul web aiutano a rinfrescare la memoria a chi legge e all’amministrazione.

venerdì 8 dicembre 2017

Nidi aperture straordinarie anche a Natale




















Cronaca Bambina Nidi aperti anche a Natale a Bologna e in provincia. Si applica fin da queste vacanze la recente direttiva regionale che amplia la possibilità di tenere aperti gli asili: al sabato, a Natale, Pasqua e durante le vacanze estive. La vicepresidente alla Regione Emilia Romagna Elisabetta

giovedì 7 dicembre 2017

Retta alla scuola d'infanzia? A Bologna si continua a discutere


BolognaNidi













Cronaca Bambina La delibera che modifica la tariffazione dei servizi educativi 06 e i servizi aggiuntivi come il pre e il post scuola il servizio di trasporto scolastico a Bologna continua a fare discutere. Oggi a Palazzo d'Accursio si è allargate la platea a comitati e associazioni, mentre nei giorni scorsi sono stati ascoltati i sindacati. L'appuntamento con le organizzazioni sindacali è rimandato a settimana prossima, così come i lavori della commissione.

mercoledì 6 dicembre 2017

Bambini esclusi (temporaneamente?) dai nidi


BolognaNidi















Cronaca bambina Succede proprio oggi, il 6 dicembre, quando i nidi “compiono” gli anni. A Torino la situazione sta diventando sempre più difficile. Tutti i nodi vengono al pettine e continueranno a restarci finché il consiglio non si deciderà ad approvare il bilancio. oggi si annuncia che gli inserimenti al nido sono sospesi per mancanza di personale. Manca personale e il comune non può sostituirlo. Il problema, già segnalato nei giorni scorsi per le scuole d’infanzia, oggi viene in evidenza anche per i nidi. Sono 40 le famiglie che dovranno improvvisare altre soluzioni per la cura dei loro bambini.

Tanti auguri a tutti i nidi!


Laura Branca
Adriana Lodi


















Oggi è il compleanno di tutti i nidi, era il 1971 quando fu approvata la legge 1044 a firma di Adriana Lodi allora parlamentare del PCI. Abbiamo raccontato tante volte l’iter della legge e l’impegno di questa donna che considero, senza mezzi termini, un politico straordinario.Se lo scorso anno abbiamo raccontato le vicende e il clima che si è respirato in quegli anni, per arrivare alla scrittura del testo, oggi che i nidi compiono 46 anni, facciamo invece il punto delle situazione tra passato e presente.

martedì 5 dicembre 2017

Quando il nido è considerato un parcheggio

BolognaNidi













Cronaca bambina. La notizia è piccola e viene dalla provincia. Eppure questo episodio che potrebbe sembrare trascurabile e molto circoscritto, ci racconta tante cose a proposito dei nidi. Da una parte c'è la "nuova" legge che sta tentando di dare valore e un riconoscimento educativo di nidi. Dall'altra parte questo riconoscimento è ancora molto lontano dall'assere considerato dai genitori ma anche da alcuni gestori o lavoratori, che continuano a considerare  i nidi come un servizio d'assistenza. 

lunedì 4 dicembre 2017

Rette ai nidi dimezzate? L'assessore regionale frena: dobbiamo valutare

 
BolognaNidi



















Cronaca Bambina Forse questa volta il Comitato Scuola e Costituzione di Bologna è riuscito a intimorire davvero la giunta Merola... o forse è la lettera infuocata dei sindacati ad aver messo fretta... O chissà, forse, possono essere le tante critiche piovute da molte parti, compresi i consiglieri di destra, come il forzista Sassone, o dall'instancabile Elena Foresti del M5S, ad ogni modo, quel che certo è che  Merola ha avuto troppa fretta ad annunciare di voler dimezzare le rette dei nidi. (leggi qui)

Il personale alle scuole d'infanzia invecchia. Un convegno tra proteste e proposte

BolognaNidi



















“Vorremmo avviare una riflessione e studiare le prime proposte da fare al governo su questo tema, che finora non è mai stato affrontato in profondità" Spiega durante un convegno tenutosi a Torino sabato scorso, Cristina Giachi, presidente della commissione scuola per l’associazione nazionale dei comuni italiani (Anci). Il convegno è stato promosso dal comune e l’Università di Torino e la stessa Anci, che per l’occasione ha analizzato i dati di 15 città italiane (con oltre 100mila abitanti) rispetto all’invecchiamento del personale nei nidi e nelle scuole d’infanzia.

domenica 3 dicembre 2017

A Bologna si dimezzano le rette dei nidi pubblici e privati

BolognaNidi












Cronaca Bambina. "Vogliamo dimezzare le tariffe di tutti i nidi, comunali e privati". Dichiara il sindaco di Bologna Virginio Merola che aggiunge "Dovevamo parlarne nei prossimi giorni, ma viste le polemiche lo diciamo subito." 

sabato 2 dicembre 2017

Rette alla scuola d'infanzia: cosa ne pensano le mamme?


BolognaNidi













"Da un comune che ha dato una biblioteca pubblica in gestione ad una cooperativa, da un'amministrazione che ha escluso dai nidi i bambini non vaccinati, non mi aspettavo nulla di diverso!" Mi dice Mariella Pichi, madre di

venerdì 1 dicembre 2017

Scuole d'infanzia a pagamento. Ecco cosa ne pensano i genitori e l'avvocato Giorgio Vecchione

BolognaNidi

















Cronaca bambina "Siamo molto sorpresi di non essere stati, non dico consultati, ma neppure pre avvertiti in alcun modo in sede di CMC" Ci spiega Claudio Cristofori componente della commissione mensa cittadina di Bologna. La delibera di cui parla introduce la retta alla scuola d'infanzia comunale che andrà a sovrapporsi all'attuale tariffa delle mensa. Lo stupore di Cristori è ben fondato visto che la commissione è l'organo di partecipazione, riconosciuto dall'attuale giunta Merola, che si occupa di monitorare le mense scolastiche. Cristofori continua a spiegare "Stiamo lavorando da anni con l'amministrazione. Siamo partiti da una situazione emergenziale, durante lo sciopero del panino, quando molti genitori erano arrabbiati e stanchi delle tariffe che erano davvero altissime e avevano poca trasparenza. Siamo riusciti con anni di lavoro e confronto ad abbassare i costi delle refezione scolastica (oggi a 5,20 Euro a pasto) abbiamo portato trasparenza al costo del singolo pasto e la situazione è rientrata...E oggi? La delibera propone di sovrapporre il costo di una retta per la scuola, che non esisteva, con quello del pasto, creando di meno trasparenza." La delibera che potete leggere qui, è lunga e articolata. Per capirla meglio abbiamo consultato l'avvocato Giorgio Vecchione di Torino del gruppo CaroMensa. L'avvocato che, dopo molte battaglie legali, è riuscito a far affermare il diritto a consumare il pasto da casa anche tra le pareti scolastiche. (leggi sentenza qui

Chiamiamo i nonni o chiudiamo le scuole? A Torino c'è il caos


BolognaNidi




















Cronaca bambina “Guardiamo il dito per non vedere la luna” mi dice Giulia Henry, una mamma di Torino, che frequenta la scuola d’infanzia Via Plana. Ieri all’esterno di questa stessa scuola “tra il cancello e il portone d’ingresso” è comparso un cartello con il simbolo di Senior Civico. Sul cartello si chiedeva a pensionati volenterosi aiuto per addormentare i piccoli, dar loro la merenda, e sorvegliarli durante la ricreazione. Così per capire meglio anche oggi (come già ho fatto ieri leggi qui) ho chiamato il comune per farmi spiegare meglio il progetto Senior Civico. E dopo essere stata rimbalzata da un ufficio all’altro, per almeno almeno dieci volte, ho rinunciato. Le informazioni estrapolate sono poche e incerte.

giovedì 30 novembre 2017

Nuova retta alla scuola d'infanzia bolognese


















Cronaca Bambina Si introduce una retta alla scuola d'infanzia di Bologna. Questa novità, di cui abbiamo già dato notizia qualche giorno fa (leggi qui), crea più di qualche dubbio e malumore tra le forze politiche cittadine. Il comitato Scuola e Costituzione, tra i principali promotori del referendum sui finanziamenti alla scuola

mercoledì 29 novembre 2017

Sei in pensione? Dona il tuo tempo alle scuole



















Il cartello che gira su fb, fotografato da un genitore, non pone equivoci. Il comune di  Torino è alla ricerca di senior (nonni e pensionati) per aiutare maestri,  collaboratori  e bambini a scuola durante la distribuzione della merenda, per addormentare i bambini durante l'ora della nanna o sorvegliarli quando giocano in cortile...E forse la scuola comunale di via Plana 2 si ha davvero bisogno di qualcuno che aiuti nelle mansioni più semplici, perché nessuno risponde al

Rette al nido? Si abbassano in alcune città ma rimangono troppo alte


BolognaNidi












Cronaca bambina Le rette ai nidi iniziano a calare in modo diffuso in tante parti d’Italia, ma l’ultimo rapporto dell’associazione Cittadinanzattiva, sui costi dei servizi educativi e scolastici, ci racconta una realtà tutt’altra che positiva. Le rette ai nidi rimangono alte e l’accesso ai servizi è difficile. Vediamo insieme le ultime politiche attuate in alcuni comuni italiani, e i dati nazionali che si riferiscono all’anno 2016.

martedì 28 novembre 2017

Italia: un paese sempre più vecchio. Meno 12 mila nati in un anno


BolognaNidi











Cronaca Bambina. L’istat pubblica i dati relativi alle nascite 2016 nel nostro paese. La tendenza alla denatalità, ormai in essere da molto tempo, si riconferma. In otto anni i nuovi nati sono calati di 100 mila unità. In un solo anno si contano meno 12 mila nascite e sono sopratutto le coppie italiane a fare meno figli. Secondo istituto

"Scusate potete controllare i bambini?" Serata in pizzeria finita in rissa

BolognaNidi















Cronaca bambina Pareva un tranquillo sabato sera in pizzeria tra famiglia e amici. Una comitiva di nove persone con due bambine di 2 e 3 anni, un po' di caos, divertimento. Un momento di relax concluso però tra ospedale e carabinieri. Perché? Il gestore del locale, il ristorante pizzeria Rosa Peonia di Treviso, si è avvicinato al tavolo dei commensali chiedendo: "Scusate, alcuni clienti si lamentano perché i vostri bambini disturbano, potreste controllarli?" 

lunedì 27 novembre 2017

Letterina di Natale rimossa dalla polizia municipale... Cosa succede nei servizi d’infanzia a Trieste?


BolognaNidi











Cronaca bambina La letterina è stata appesa all’albero di Natale allestito in piazza Unità a Trieste sabato 25 novembre. Scritta da maestri, educatori e collaboratori precari dei nidi e delle scuole d’infanzia triestini, la lettera era destinata a San Nicolò ma anche, al più terreno e meno Santo, sindaco di Trieste a Roberto

sabato 25 novembre 2017

venerdì 24 novembre 2017

Insulti e botte alla scuola d'infanzia di Vercelli. Arrestate tre maestre


BolognaNidi



















Cronaca bambina Si è conclusa ieri “Tutti già per terra” l’operazione della squadra mobile di Vercelli con l’arresto di tre maestre. Maria Teresa Dorà, Carmelina Capalbo e Luisita Cantù avevano la fama di essere maestre severe, sopratutto la Dorà, ma certo nessuno immaginava una situazione del genere. Quando le telecamere hanno filmato 52 episodi di maltrattamento, di cui 20 gravi, i dubbi sisono dissolti e hanno lasciato spazio alla rabbia e alla tristezza. La scuola Janusz Kovczak, dal nome del pedagogista polacco di cui si applica il metodo, era una di quelle scuole a cui tutti a Vercelli avrebbero voluto far frequentare i figli. 

giovedì 23 novembre 2017

Rette ai nidi e alla scuole d'infanzia: a Bologna si cambia

BolognaNidi




Cronaca Bambina. Lo Stato ha stanziato le risorse per "nutrire" e far vivere il sistema integrato 06. A pochi giorni di distanza la vicepresidente alla Regione Emilia-Romagna Elisabetta Gualmini annuncia di voler contenere le rette dei nidi. E ieri il comune di Bologna ha annunciato di voler procedere con una nuova rimodulazione tariffaria. La modifica che non riguarderà solo i nidi ma andrà anche a toccare i servizi extra e le scuole dell'infanzia. Palazzo D'Accursio annuncia una riduzione complessiva di 600mila Euro che riguarderà quasi tutte le famiglie, 8000 utenti su 9000 circa. 

mercoledì 22 novembre 2017

Violenza contro le donne: quali conseguenze sui bambini?



















Intervista a... Mancano pochi giorni alla giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne che ricorre il 25 novembre. In tutto il paese, da nord a sud, ci sono tanti appuntamenti e iniziative per raccontare, spiegare e far capire cos’è la violenza di genere e quali forme può assumere. In questi giorni, passeggiando per un negozio Ikea, potrete assistere ad una curiosa e suggestiva iniziativa dal titolo: #Perunagiustacasa. Telefono Donna e Ikea hanno promosso una campagna di comunicazione ideata da Maurizio Maresca (Responsabile delle Campagne Sociali di Telefono Donna) che prevede la rappresentazione di scene di violenza domestica da parte di una coppia di attori professionisti. Due attori, un uomo e una donna, interpretano fatti di violenza quotidiana ripresi e ricostruiti dalle testimonianze delle donne che hanno davvero subito violenza. Oggi incontriamo Stefania Bartocetti fondatrice di Telefono Donna per farci raccontare e spiegare come la violenza domestica si riversa sui figli che la subiscono. 

martedì 21 novembre 2017

Educazione di genere? Facciamo chiarezza: parola a Giulia Selmi


BolognaNidi














Intervista a... Giulia Selmi è sociologa e socia fondatrice dell’associazione Il progettoAlice con cui realizza progetti di educazione al genere nelle scuole. L’abbiamo incontrata per farci raccontare il suo lavoro che come vedremo è molto complesso e tutt’altro che banale.

lunedì 20 novembre 2017

Oggi come 50 anni fa, la scuola continua a bocciare i più poveri


 
BolognaNidi














Oggi è la giornata dei diritti dei bambini. I diritti sono scritti in una carta (leggi qui) che si articola in oltre 50 articoli. La “prima firmataria” della carta è Eglantyne Jebb crocerossina britannica che nel 1919, con la sorella Dorothy, istituì Save the Children. La carta riconosce il bambino come individuo e con tanti diritti quali la saluta, il benessere, lo studio, la libertà d’espressione e di pensiero. Il bambini hanno anche i diritti di essere difesi dai grandi e di non essere sfruttato, difeso in caso di guerra, ma anche il diritto a vivere con i propri genitori e via così... Quasi tutti i paesi del mondo hanno sottoscritto la carta. Ad oggi però la carta non ha validità legale ma si tratta di un’impegno morale.

domenica 19 novembre 2017

Leonardo da Vinci, il premio Nobel Heckman e l'infanzia




















Parole e pensieri… In questi giorni è stato venduto all’incredibile cifra di 450 milioni di dollari un’opera attribuita a Leonardo Da Vinci. La cifra è record anche per il pazzo mondo dell’arte. La cifra è record anche perché il dipinto “Salvator Mundi” è un’attribuzione, che tradotto per i profani, significa che ad oggi non esiste un documento che riconosca la paternità leonardesca dell’opera. Del resto uno dei maggiori studiosi, del genio vinciano, ha dichiarato che tutt’al più il dipinto

sabato 18 novembre 2017

Una giornata decicata alla Buona Scuola e l'intervento di Lorenzo Campioni

BolognaNidi







Cronaca Bambina. Oggi a Bologna è stata presentata la Buona scuola, la legge 107 2015, da tre relatori. Mario Maria Nanni, Dirigente Tecnico dell’Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna, Lorenzo Campioni, pedagogista del Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia e Gino Passarini, del Servizio Politiche Sociali e Socio Educative della Regione Emilia-Romagna. Gli interventi sono stati corposi e densi di informazioni e hanno offerto spunti di riflessione.

venerdì 17 novembre 2017

Generazioni a confronto: per il bene comune e dei bambini

BolognaNidi













C'è chi spende energie per realizzare qualcosa per il bene comune e per il bene dei bambini. Ci sono loro: il comitato #FreeMontagnola. Riportiamo con piacere il comunicato stampa che lancia una giornata, domenica 19 novembre, dedicata all'incontro e al divertimento.

giovedì 16 novembre 2017

Nidi e scuole d'infanzia: un anno dopo il terremoto

Agrinfanzia














Loredana Dell’Orso è educatrice in un centro infanzia sperduto tra i monti marchigiani, a Visso, provincia di Macerata. Lei per andare a lavorare deve attraversare, come molti altri, la Valle Nerina quella sprofondata con il terremoto dello scorso anno. 

mercoledì 15 novembre 2017

Rette più basse nei nidi dell'Emilia Romagna

BolognaNidi












"Un investimento che riconosce l'importanza dei servizi educativi per i più piccoli, in particolare dei nidi" Così commenta la vicepresidente e assessore al welfare alla Regione E-R Elisabetta Gualmini. Alla regione saranno destinati 20 milioni di euro per sostenere il sistema di educazione zero a sei anni. Si tratta del

A che punto è la legge Iori? Rispondono Vanna Iori e Francesca Puglisi

BolognaNidi
















Cronaca bambina. Ma a che punto è la legge che riconosce il profilo professionale degli educatori e dei pedagogisti? Lo chiedo alla prima firmataria del disegno di legge, l'Onorevole Vanna Iori "E' fermo da oltre un anno. La commissione bilancio

martedì 14 novembre 2017

Dignità per il lavoro educativo: in piazza per una manifestazione pacifica


 



Cronaca bambina.  Tutti i giorni i deputati della VII commissione (cultura, scienza, e istruzione) ricevono una lettera che in modo gentile, ma fermo, fa richieste precise. Il testo della missiva lo potete leggere per intero di seguito. A scrivere

lunedì 13 novembre 2017

Figli della libertà. Un documentario per raccontare l'educazione parentale


BolognaNidi













Oggi incontriamo una mamma speciale, Anna. Lei e la sua famiglia hanno girato un documentario che pone più domande di quante risposte possa restituirci. L’argomento, così come il film, è complesso e dai contorni cangianti che continuano a sfuggire ad un tema circoscritto. Figli della libertà è il suo titolo e indaga a tutto campo l’educazione parentale. Oggi con Anna parliamo di figli della libertà e dei motivi che l’hanno condotto con la famiglia a questa scelta.

sabato 11 novembre 2017

Mamma papà: posso scegliere da grande?











Cronaca bambina “I bambini non hanno alcuna convinzione religiosa o non religiosa. E hanno tutto il diritto di continuare a non averne finché non decideranno altrimenti. E' una considerazione semplicissima, eppure

venerdì 10 novembre 2017

Le disalleanza educative. Tra i genitori e la scuola ci sono i bambini


BolognaNidi














Parole e pensieri... Ogni volta che sento parlare la pedagogista Mariagrazia Contini di bambini, sono certa che prima o poi farà riferimento alla ricerca le dis-alleanze nei contesti educativi. La ricerca, raccontata in un libro edito da Carracci, si snoda tra Parigi e Caltagirone e indaga sul rapporto tra genitori e le istituzioni educativi. Il libro è complesso e non può essere riassunto in poche righe. Ma dovrebbe

giovedì 9 novembre 2017

Fondi al sistema 0-6? Così si penalizza il sud


BolognaNidi










Cronaca Bambina“Se il decreto attuativo sullo 0/6 nasce e si pone lo specifico obiettivo di colmare le differenze territoriali in materia di servizi per l’infanzia, purtroppo non sta assolvendo al suo compito” Dichiara l’Onorevole Camilla Sgambato componente della VII commissione cultura scienza e istruzione alla camera dei deputati che continua “Non condivido i criteri con cui si è proceduto alla ripartizione dei fondi,

mercoledì 8 novembre 2017

Se non ora quando? #gaeinfanzia per i diritti dei lavoratori e dei bambini

Cronaca bambina. Scendono in piazza le maestre e i maestri di #gaeinfanzia. L’appuntamento è fissato per il 10 novembre alle ore 17 . La manifestazione si svolgerà non in una piazza ma in tante piazze: Napoli, Catania, Palermo, Enna, Siracusa e Foggia. Ho ascoltato alcune maestre per capire cosa stia succedendo nelle scuole materne e lo scenario che emerge dalle loro testimonianze è inquietante. Da un lato rivendicano i diritti dei lavoratori, dall'altra vogliono portare attenzione sulla qualità della scuola e i bambini.

martedì 7 novembre 2017

Bambini in bicicletta: quale sicurezza sulle piste ciclabili?



BolognaNidi







  
Cronaca bambina. In questi giorni a Bologna si è parlato, scritto e discusso molto sul traffico cittadino e sull'increscioso aumento di incidenti in bicicletta. Nei primi dieci mesi del 2017 sono cinque i ciclisti deceduti. Molti più di quelli dell'anno precedente, che erano due, e anche del 2015. In realtà secondo l'osservatorio regionale della sicurezza in strada, che ci fornisce tutti i dati, gli incidenti sono dovuti in gran parte all'abuso di alcol. Mentre l'aumento degli incidenti in bicicletta potrebbe essere dovuto, anche, all'aumento dell'uso della bicicletta in generale (si registra un +25%) . L'osservatorio invita i ciclisti a rispettare le regole seguendo le indicazioni della cartellonistica e usare le piste ciclabili dove ci sono. Personalmente quest'ultimo consiglio non lo seguirò ne' per me, ne' per le mie bambine.

lunedì 6 novembre 2017

Gli asili nel bosco chiedono un riconoscimento

BolognaNidi











Cronaca Bambina L'asilo nel bosco è una realtà ormai diffusa anche in Italia. Sono circa 40 le scuole che si possono contare oggi lungo lo stivale. Prevalentemente accolgono bambini da 3 a 6 anni, ma non è detto, ci sono anche alcune strutture 

domenica 5 novembre 2017

Ma i finanziamenti 0-6 sono equi?


BolognaNidi















“... Per il sottosegretario all'Istruzione Vito De Filippo, lucano: «stiamo costruendo insieme, ciascuno per la propria parte, percorsi di crescita eguale su tutto il territorio, a partire dall'infanzia». «Eguale» per De Filippo vuol dire 51 euro per bambino nella sua Basilicata e 103 euro in Valle d'Aosta? Così sostiene, eppure la matematica non è un'opinione.”

sabato 4 novembre 2017

Stanziate le prime risorse a sostegno di nidi e scuole d'infanzia


BolognaNidi


















Stanziati i primi finanziamenti a sostegno di nidi e scuole d’infanzia. Per far vivere e promuovere il sistema integrato dei servizi educativi da 0 a 6 anni e gli obbiettivi strategici previsti nel dlgs 65/2017 arrivano i primi soldi da parte dello Stato. Alla Conferenza Stato-Regioni si sono definite le risorse disponibili.

venerdì 3 novembre 2017

La qualità del nido? E' fatta dalle persone

Nido Gozzadini














Intervista a… C’è un cancello che si apre sui viali di Bologna, superato il quale, dopo un breve viottolo di sassi, si accede al nido Gozzadini. “Forse è il nido più piccolo della città, di certo, per me è il più bello!” Mi dice l’educatrice che mi riceve con un sorriso. Oggi incontro Elisa Braga educatrice dal 1997 e al nido Gozzadini dal 2000. Come tutti i nidi, il Gozzadini, è speciale e unico. Al centro della sua particolarità c’è la comunicazione e la relazione che lega educatori, collaboratori e genitori. Vediamo insieme come.

mercoledì 1 novembre 2017

Bonus nido e bonus mamma: come, quando perché...




















Cronaca bambina. Nel testo della legge di bilancio 2018 si confermano il Bonus per gli asili nido un contributo di 1000 euro l’anno per tre anni e il Bonus mamma domani 2018 un assegno unico di 800 euro per spese mediche e prime necessità per il corredo del bambino. Non si riconferma il bonus bebè

martedì 31 ottobre 2017

Legge 06 a che punto siamo? Parola al Ministro Fedeli


BolognaNidi









Cronaca Bambina Nel pomeriggio di ieri, alla mole Vanvitelliana di Ancona, si è svolto un incontro dedicato ai nidi e alle scuole d’infanzia che ha visto la partecipazione del Ministro Valeria Fedeli. Un incontro lungo e molto faticoso da seguire. Presenti in sala, forse, di un centinaio di persone, sebbene l’evento fosse aperto a tutti e gratuito. Prima di addentrarci nel dibattito, raccontando i vari interventi è bene sbarazzarsi fin da subito della domanda chiave della giornata: Progetto zerosei dalle parole ai fatti, quali cambiamenti? La risposta del

lunedì 30 ottobre 2017

Aumento dell'età pensionabile? Educatori di nido e maestri d'infanzia esclusi...


BolognaNidi












Il Governo pare deciso a non rinviare l’aumento dell’età pensionabile. L’età annunciata nei giorni scorsi è di 67 anni e 5 mesi e dovrebbe “scattare” dal 2019.

sabato 28 ottobre 2017

Il ministro Fedeli dovrebbe leggere il diario di una schiappa

BolognaNidi











La legge va rispettata commenta il ministro Fedeli in un rapido video che potete vedere qui.  Il che significa che i ragazzi delle scuola medie dovranno essere accompagnati sempre dai genitori, fino ai 14 anni, perché la scuola non è responsabile della loro incolumità fuori dall'edificio. Eppure, forse, leggendo il diario di una schiappa, anche il ministro Fedeli potrebbe cambiare idea e capire cosa pensa un ragazzino delle medie. E' una lettura che consiglio a tutti i genitori, tutti i nonni e tutti gli adulti che vorrebbero entrare in punta di piedi in quel mondo complesso e frastornante che è la pubertà. A quell'età sono molti i ragazzi e le ragazze che vogliono "fare da soli" ed è giusto che provino a fare da soli, nonostante tutti i timori e gli errori possibili, perché solo così si cresce e si impara.

venerdì 27 ottobre 2017

0-6 dalle parole ai fatti: quali cambiamenti? Lunedì ad Ancona con il ministro Fedeli

BolognaNidi