venerdì 30 novembre 2018

Percorsi di "lessico educativo" per conoscere meglio i servizi educativi ZeroSei


BolognaNidi





















Cronaca Bambina Come integrare mamme e bambini nei servizi educativi Zerosei? Favorendo la conoscenza della lingua italiana e la conoscenza dei servizi educativi in città. Il Centro RiESco del Comune di Bologna organizza speciali corsi di italiano dedicati alle mamme straniere di bambini di età 0-6 anni.

giovedì 29 novembre 2018

Meno bimbi stranieri in aula. Grembiuli e crociffissi per tutti gli asili di Trieste

BolognaNidi















Cronaca bambina Il Consiglio comunale di Trieste vota Si al nuovo Regolamento per le scuole dell'infanzia che fissa un tetto del 30% per la presenza di alunni di cittadinanza non italiana e impone il crocifisso e il grembiule in tutte le scuole comunali triestine.

Contro le telecamere nei nidi: parola al consigliere Michele Usuelli










Intervista a… Michele Usuelli è pediatra lavora al reparto di neonatologia al policlinico di Milano e da maggio scorso è consigliere in Lombardia con +Europa.L’abbiamo incontrato per farci raccontare il suo punto di vista rispetto alla legge che prevede l’uso delle telecamere negli asili nido(leggi qui). Ha presentato ben 100 emendamenti “per esercitare la facoltà di ostruzionismo verso il peggiore emendamento che abbia mai votato”. La legge è stata votata e finanziata con tanti si ma è ancora possibile fermarla. Seguiamo il suo ragionamento. 

Nuovo caso di maltrattamento. Agli arresti un maestro di scuola d’infanzia ultra sessantenne




















Cronaca Bambina Oggi è stato arrestato un maestro d’asilo per maltrattamenti sui bambini di età compresa tra due e cinque anni. Schiaffi e spintoni ai danni dei piccoli, è successo a Pero i provincia di Milano. Si tratta di un nuovo caso di violenza ai danni dei bambini da parte degli insegnanti. Ora l’uomo di ultra sessantenne è agli arresti domiciliari con l’accusa di maltrattamento.

mercoledì 28 novembre 2018

“Scuole Sicure” contro la droga. Si parte a Bologna
















Pensieri e Parole Mamma e papà forse si sentiranno un po’ più sicuri con Scuole Sicure, forse... In realtà c’è poco da stare tranquilli. L’attenzione che dovremmo rivolgere al tema droga non è mai troppa perché non c’è un luogo sicuro in assoluto e perché purtroppo la risposta politica, sebbene presenti elementi positivi, non è affatto convincente. La prevenzione, se vogliamo chiamarla prevenzione, dovrebbe iniziare dal nido. Si, avete letto bene fin dall’asilo nido.

Telecamere nei nidi? Legge approvata e finanziata in Lombardia.



 











Cronaca Bambina Il consiglio della regione Lombardia approva la legge sull’uso delle telecamere nei nidi d’infanzia. Finanziata con 300 mila euro, per il 2018-19 e con altri 600 mila euro per l’anno successivo. I si sono stati 57 , gli astenuti 2 e i contrari sono 16.  

martedì 27 novembre 2018

Continuità educativa ZeroSei? Si, grazie. Al via la commissione permanente di studio e lavoro


BolognaNidi

















Cronaca Bambina La continuità educativa tra nido e scuola d’infanzia è ormai legge, da un po’,eppure troppo spesso rimane una continuità ideale e solo teorica. Qualcosa lentamente si muove e da quest’anno, in provincia di Milano, si avvia un piccolo, quanto interessante, progetto che potrebbe fare scuola anche in altri contesti e realtà. Di cosa si tratta? Di una commissione di studio e di lavoro permanente tra educatori dell’asilo nido e i maestri della scuola dell’infanzia.

lunedì 26 novembre 2018

Educazione musicale? Meglio iniziare al nido. Il comune di Bologna raccoglie proposte

Bolognanidi








 


Cronaca Bambina Ma quanto è importante la musica nella vita di un bebè? Molto, anzi, moltissimo secondo l’Istituzione educazione e scuole di Bologna (ies) che per realizzare laboratori e momenti musicali nei servizi educativi 06 metta a disposizione 30mila euro. Si accettano proposte.

venerdì 23 novembre 2018

Lettera aperta di una mamma: Ma dei bambini si parla solo quando hanno problemi?


Nidi
BolognaNidi

 









Lettera da... Oggi pubblichiamo la lettera di una mamma che ci scrive da Lecco. Abbiamo dovuto operare molti tagli ma  pur sintetizzando i contenuti  abbiamo mantenuto l'anima della domanda che ci pone Elena Bi: ma è mai possibile vedere l'infanzia sempre e solo come un problema? 

giovedì 22 novembre 2018

Bonus bebè, bonus nido e congedi parentali quali novità?












Cronaca Bambina Sulle politiche familiari c’è poco nel testo della legge di Bilancio e a questo punto vengono presentati dal ministro della famiglia, Lorenzo Fontana dagli emendamenti d’intesa con il gruppo della Lega. Vediamo insieme cosa si riconferma, cosa viene eliminato e cosa si aggiunge ai vari Bonus introdotti dal Governo Renzi. 

mercoledì 21 novembre 2018

ArteBambini: la formazione di qualità. Parola a Mauro Speraggi



Intervista a… Sono passata tante volte davanti agli spazi di ArteBambini. Tutte le volte pensavo che mi sarei dovuta fermare per conoscerli meglio. E questa mattina è arrivato quel giorno... fin da subito sono sorpresa dai disegni, dalle suggestioni e dai tanti i colori che coprono tutto anche il soffitto. Tanti libri e oggetti ma tutti rigorosamente bellissimi e disposti con ordine. Ad accogliermi c’è Mauro Speraggi. Sguardo serio e diretto stretta di mano franca. Sono qui oggi per a farmi raccontare il Kamishibai, ma appena ci sediamo, per iniziare l’intervista mi rendo conto che il gioco non lo conduco io. Speraggi ha molto da raccontare. Ha trent’anni d’esperienza nella formazione di insegnanti, maestri e educatori e laboratori per bambini e sarebbe davvero riduttivo parlare di un singolo corso. Artebambini “produce” oltre a formazione anche libri illustrati e la nota rivista d’arte e creatività Dada.

martedì 20 novembre 2018

A Reggio Calabria i nidi sono vandalizzati. La giunta risponde con il progetto A misura di Bambino


BolognaNidi










Cronaca Bambina Questa notte è successo al nido Genoese a Reggio Calabria. Ignoti si sono introdotti nella struttura e hanno vandalizzato i locali. Il peggio è che non è la prima volta che succede. Non pare quindi un atto casuale ma una scelta precisa. Colpire un nido ha molti significati e anche con questi atti brutali quel che emerge è l’importanza che questo servizio può avere per realizzare una società migliore.

Fermiamo la pubblicazione dei video che ritraggono i bambini maltrattati nei nido e nelle scuole


 
diritti dei bambini
Bolognanidi













Oggi, 20 novembre, celebriamo la giornata l’infanzia e la bellissima carta internazionale che mette in fila, uno dopo l’altro, con grandissima precisione ed esattezza, tutti i diritti dei bambini. Il documento, come sanno tutti gli esperti del settore, è un bellissimo risultato frutto di un dialogo ed è stato sottoscritto da quasi tutti i paesi del mondo.Dalla carta si evincono chiaramente due fatti su cui dovremmo riflettere. 

lunedì 19 novembre 2018

Unicef e il garante dell’infanzia pubblicano i dati di 5 sondaggi rivolti ai fanciulli migranti. La discriminazione è servita

BolognaNidi












Cronaca Bambina Ecco i risultati di 5 sondaggi condotti tramite U-Report on the Move e pubblicati da UNICEF e dall’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (AGIA) in occasione della prossima Giornata Mondiale dell’Infanzia che si celebra domani il 20 novembre. I dati ci parlano di una società (e una scuola) che discrimina, anche, per il colore delle pelle.

domenica 18 novembre 2018

Telecamere nei nidi? “Una misura indispensabile”. Nuova proposta di legge in Campania

Bolognanidi



 






Cronaca Bambina La proposta di legge per installare videocamere di sorveglianza nei nidi è stata presentata dal consigliere regionale dal consigliere Francesco Emilio Borrelli dei Verdi. Sono già previsti anche dei contributi per l’installazione delle telecamere nei nidi e nelle scuole dell’infanzia. “Una misura indispensabile per tutelare i bimbi della Campania”.

sabato 17 novembre 2018

Fare l'educatore è sempre stato un lavoro difficile


nidi infanzia
BolognaNidi






Pensieri e parole Tante volte scorrendo post e commenti on-line, mi imbatto in veri e propri sfoghi di educatrici stanche per via della continua maleducazione dei genitori. Sono talmente tanti questi racconti rispetto all’incapacità e al menefreghismo che il ritratto delle nuove generazioni di mamme e papà è spesso impietoso anche senza andare a leggere Crepet.

venerdì 16 novembre 2018

"I nidi di Napoli sono alla sfascio" Parola ad Agostino Anselmi


Nidi Napoli
BolognaNidi

















Intervista a… Oggi incontro Agostino Anselmi responsabile Fp Csil per approfondire la complessa situazione degli asili nido e delle scuole d’infanzia a Napoli. Ne abbiamo parlato qualche giorno fa in un breve post (leggi qui) Oggi riprendiamo e approfondiamo. Le tematiche, che andiamo ad affrontare con Anselmi sono davvero tante e la situazione è molto complessa. Il quadro che emerge è a tratti buio ma presenta anche luci, perché nonostante tutto le iscrizioni sono aumentate e questo lo si devo all’impegno e alla competenza dei lavoratori.

Manca il personale nei nidi: perché?
Per una volontà politica.

Che è?
Quella di non assumere. Per tre anni conseguitivi il comune ha assunto 55 educatori per incarichi annuali.

E quindi?
A ottobre si assume e a giugno si licenzia gli educatori. I lavoratori, com’è nei loro diritti, a giugno chiederanno la disoccupazione, ma certo la norma concepita dal legislatore non aveva questo scopo.

Mancano 55 educatori ma non si assumono a tempo indeterminato?
Esatto. Da tre anni il comune assume gli educatori che mancano strutturalmente. A nostro parere si dovrebbero assumere di 55 educatori a tempo indeterminato e invece si preventiva di assumere maestre all’infanzia.

Perché succede?
Il comune in questo momento ha un blocco e dei limiti precisi. Si ritiene però che entro brevissimo, forse già a giorni, la situazione si bloccherà. E così si presenterà l’occasione di assumere le educatrici, se si volesse.

Oggi se entro in un servizio educativo napoletano cosa trovo?
Dipende molto da che nido, o da che scuola d’infanzia, abbiamo ancora delle vere eccellenze.

E in generale?
Siamo allo sfascio. Potremmo trovare nidi con orario ridotti, quindi bambini che escono alle due del pomeriggio, potremmo vedere delle mamme con lo zaino in una mano e nell’altra la busta della spesa, perché i nidi hanno bisogno di giochi, libri, detersivi, pannolini, salviette…

I bimbi escono alle due anche se il servizio era previsto per tutta la giornata?
Esatto.

Perché?
Perché manca il personale. Mancando il personale c’è poca compresenza e così si chiude, poi si rimedia con uno sconto sulla retta… A Napoli succede anche questo... Ciò significa, tra l’altro, interrompere il sonno ai bambini che dormono sui passeggini, perché mancano anche i letti.

Perché c’è poca compresenza? E cosa vuol dire?
Le nuove assunzioni sono state fatte, si, ma con contratti part-time (4 ore al giorno). Quindi in sezione ho venti bambini con due educatori, come è corretto che sia, ma uno dei educatore fa un part time e l’orario non può essere completo e la compresenza è limitata. Quel che è peggio è che capita anche per i bambini che necessitano di sostegno.

Si taglia anche sul sostegno?
Poniamo che un bambino sia certificato per avere un insegnante di sostengo per trenta ore settimanali, l’insegnante c’è, ma lavora per sole venti ore. I danni che si avranno saranno importanti e difficilmente recuperabili.

Ci sono molti iscritti ai nidi?
Si, sono anche aumentati. Questo grazie alle energie di educatori capaci e qualificati. Con l’ultimo concorso, circa tre anni fa, si sono stati “arruolati” tanti giovani che hanno anche incrementato le iscrizioni grazie al loro entusiasmo contagioso. Purtroppo nei servizi si sta investendo poco e la tendenza pare essere l’esternalizzazione.

Esternalizzare? L’assessore Palmieri quando venne a Bologna a parlare di sistema educativo insistette molto sulla salvaguardia del pubblico (leggi qui)?
Di recente Palmieri ha dichiarato “La mia idea è quella di creare il meccanismo delle convenzioni con il privato sociale, realizzando un albo e poi affidando con evidenza pubblica la gestione degli asili”. (leggi qui)

I nidi dei fondi Pac come sono?
Bellissimi, delle strutture incredibili, sembra di entrare in Svizzera. Uscendo da lì però ci troviamo nel terzo mondo.

Nidi aperti con i pac sono ancor più inaffidabili (leggi qui)?
Esatto questi servizi sono poco affidabili aprono e poi chiudono anche durante l'anno in corso.

Le strutture dei nidi e le scuole d’infanzia godono di buona salute?
Affatto! Ci sono infiltrazioni d’acqua, pavimenti divelti, gli impianti sono immancabilmente fuori norma. Tra orari ridotti all’improvviso, tra strutture fatiscenti, tra continue richieste di materiale di tutti i tipi stiamo costringendo le mamme a rivolgersi al privato. I genitori a Napoli per tradizione si fidano di più del pubblico… Ma per quanto ancora? In sette anni di assessorato Palmieri  la qualità dei servizi educativi si è abbassata e questo per responsabilità politiche precise.



















A Bologna si festeggiano i diritti dei bambini con 80 attività culturali tutte gratuite per piccoli e grandi



 
BolognaNIdi











Cronaca Bambina Si tratta di una vera e propria maratona di eventi, laboratori, mostre e attività, tutte rigorosamente gratuite e tutte ideate per celebrare la giornata internazionale dei diritti dei bambini, che ricorre il 20 novembre. Il cartellone è dedicato ai bimbi più piccoli ma anche agli adolescenti e agli adulti. Le date da segnare in agenda sono tantissime Si parte oggi, 16 novembre e si prosegue fino al 28 novembre. Tra le numerose attività, sparse in tanti diversi luoghi, la vicensindaco Marilena Pillati, durante la presentazione di Bologna città delle bambine e dei bambini, ha voluto sottolineare particolarmente due eventi: uno destinato a educatori, insegnanti e pedagogisti, l’altro più rivolto ai genitori.

giovedì 15 novembre 2018

Tana Libera Tutti! Un parco per un’educazione libera e felice


Simone Pierini
 


















Intervista a… Oggi incontro Simone Pierini, un papà, che ha un grande sogno nel cassetto: portare i parchi gioco di Berlino in Italia per tutti i bambini. Detta così sembra un progetto modesto e invece mentre ascolto Simone mi rendo conto che questa idea è grande e contiene in sé tanti saperi. La sua realizzazione potrebbe restituire tantissimo ai bimbi della città ma anche ai genitori. Il progetto, presentato nel Bilancio Partecipativo 2018 di Bologna, ha un nome “Tana libera tutte e tutti!” e può essere votato, entro il 19 novembre, da qui Ma ora avventuriamoci nel mondo dei parchi tra bambini, educazione, cultura e arte…

Movimparo: l’apprendimento ha bisogno di un corpo. Due giornate dedicate all’educazione all’aperto a Modena













Cronaca Bambina Il 16 e 17 novembre a Modena si apre Movimparo: l’apprendimento ha bisogno di un corpo due giornate per riflettere sulla relazione tra movimento, corpo, apprendimento e cognizione organizzate dal Centro educativo Memo e dal Coordinamento pedagogico 0-6 del Comune di Modena.

mercoledì 14 novembre 2018

Liguria: in arrivo quasi 5 milioni per nidi e scuole d'infanzia









Cronaca Bambina Ci sono quasi 5 milioni (4,8MLN) in arrivo per i nidi e alle scuole dell’infanzia della Liguria . Le risorse verranno distribuite ai Comuni in base a nuovi criteri approvati ieri dalla Giunta regionale.Vediamo come saranno destinati

Al via la petizione: un posto al nido per ogni bimba/o


BolognaNidi














Cronaca Bambina Arriva la petizione che accende i riflettori sui nidi d’infanzia. E' lanciata da Paolo Siani, noto pediatra napoletano, da sempre attento conoscitore ai nidi  e oggi deputato del Partito democratico. (leggi qui) Porta anche le firme di di Francesca Puglisi, oggi referente infanzia e adolescenza e di Mila Spicola, referente delle povertà educativa, sempre per il PD. Vediamo insieme i contenuti dell'appello.  

lunedì 12 novembre 2018

Addio al bonus bebè?


BolognaNidi

 

 

 

 

 

 

Cronaca Bambina La misura a sostegno dei nuovi nati rischia di scomparire dal prossimo anno, entro il 2019. Il Ministro Fontana tranquillizza "Al lavoro per superare talune inefficienze della precedente versione". Mentre  Vanna Iori, Senattice del Pd ironizza via twitter la "scomparsa del bonus". 

I nidi a Napoli non hanno educatori e chiudono. La denuncia della Cisl










 





Cronaca Bambina Nei nidi di Napoli mancano le educatrici e il tempo pieno non è garantito. nei nidi di Napoli mancano i materiali necessari per la cura dei bambini. I nidi di Napoli costano molto per le rette e per via dei tanti “extra” richiesti a mamma e papà durante l’anno. A Napoli alcuni nidi chiudono, molti rischiano la chiusura e qualcuno forse NON aprirà mai pur essendo nuovo e pronto per accogliere i bimbi. Si alza una denuncia da parte di Agostino Anselmi della fP di Cisl.

domenica 11 novembre 2018

I nidi di Roma crollano! E’ ora di fare qualcosa ORA

BolognaNidi

















Cronaca Bambina Con il maltempo i nidi e le scuole sono rimasti chiusi. E’ successo in tante parti del paese da nord come a sud. E ora che l’ondata di piogge torrenziali è passata, rimangono sul tappeto tante domande sulla sicurezza delle strutture educative. Senza fare inutili allarmismi abbiamo tentato di ricostruire lo stato dei servizi educativi dopo il maltempo. E a livello nazionale, Roma spicca per la mala gestione. La poca sicurezza nei nidi, che ormai pare non stupire più i romani, dovrebbe seriamente essere indagata. Abbiamo tracciato un piccolo scenario “storico” per giungere all’attualità. Ed è allarmante! 

sabato 10 novembre 2018

Attenti alla truffe: asili nido nel mirino

BolognaNidi



 






Cronaca Bambina Sono stati denunciati dalla polizia postale del Veneto e individuati. Agivano in due una coppia di Torino, entrambi giovani, circa 26 anni. I reati a loro carico sono di truffa e sostituzione di persona. I due erano già noti alle forze dell’ordine per raggiri ai danni di istituiti religiosi, questa volta il reato imputato è a danno di un asilo nido di Treviso. Secondo gli investigatori l'uomo sarebbe la mente dei raggiri. In passato i due, genitori di un bambino avevano truffato istituti religiosi. Si sospetta di raggiri in altri asili.

Come operavano?
La responsabile di un asilo nido di Treviso è stata contattata nel febbraio scorso. L’uomo si è presentato come addetto dell'ufficio scolastico regionale. 
Dai nostri uffici regionali è stata accreditata erroneamente una somma. Se questa somma non sarà resa in breve tempo, purtroppo -insiste l’uomo- si bloccheranno i fondi destinati dal Ministero all'asilo.” 
Più o meno potrebbero essere queste le parole del truffatore. La titolare del nido, molto preoccupata, e senza controllare l’ effettivo accredito da parte dall'ufficio regionale, ha seguito le procedute indicate dall’uomo e  ha provveduto a versare la somma attraverso un accredito postepay.

Dopo aver scoperto la truffa
L'asilo nido ha presentato denuncia alla polizia postale. Gli investigatori sono riusciti a dare un volto e un nome alla compagna del truffatore, immortalata dalle telecamere dell'ufficio postale di Torino, mentre incassava il bottino sul conto postepay in cui erano stati accreditati i soldi. La sim utilizzata dal truffatore era invece intestata ad un altro cittadino. L'indagine, coordinata dal pubblico ministero Anna Andreatta, si è conclusa, e ha portato la polizia postale torinese a perquisire l'abitazione della coppia.









venerdì 9 novembre 2018

BNL inaugura il nuovo nido aziendale (e non solo) che apre a Roma

BolognaNidi*




 










Cronaca Bambina 700 metri quadrati. Materiali eco-sostenibili. Tutto per accogliere circa 60 bambini. Si tratta del nuovo asilo nido inaugurato A Roma a Palazzo Orizzonte Europa, quartier generale di Banca nazionale del lavoro. Il nido e’ aziendale ma è aperto non solo ai figli dei dipendenti della banca, ma anche ai residenti del quartiere Tiburtino.

giovedì 8 novembre 2018

E la domenica? Tutti al nido. Tra merenda e laboratori l'asilo accoglie tutta la famiglia




Mamma portami al Nido! Trascorrere una domenica in famiglia è sempre una bella occasione per passare del tempo insieme, lontani dalle solite routine... l'occasione diventa ancor più bella, quando il nido è aperto e con mamma e papà si va a giocare, a divertirsi e a stare con gli altri. L'iniziativa è ben pensata e potrebbe rivelarsi un valido aiuto per far conoscere questi importanti servizi anche ai gentiori che di solito non li frequentano.

mercoledì 7 novembre 2018

A Bologna apre la mostra sull'outdoor education. Un viaggio tra passato e futuro












Arte Bambina I tempi cambiano ma i modelli educativi restano. E forse in modo un po’ provocatorio è più corretto dire che i tempi cambiano e la politica peggiora. Perché in fondo è questo il concetto principale che ho conservato uscendo della mostra “Ritorno al futuro? Dalle scuole all’aperto alle nuove esperienze educative nella natura”. La mostra aprirà il 9 ottobre e rimarrà allestita per un mese (fino a 9 dicembre) negli spazi dell’ex forno del pane oggi museo di Arte Moderna a Bologna (MamBO). L’esposizione è bella, ben curata e ricca di materiale. Nello scorrere delle sale e del tempo è inevitabile fare paragoni, tra le politiche educative attuali e quelle del mitico sindaco Francesco Zanardi. Il sindaco che durante la campagna elettorale annuncio Pane e alfabeto per tutti e riuscì a darli entrambi, nonostante le bombe, la guerra, l’ignoranza e la fame.

Toscana: da gennaio obbligo di sistema di rilevazione per tutti i i nidi












Cronaca Bambina Firmato il protocollo d’intesa: dal 1° gennaio 2019, l'obbligo per i nidi d'infanzia di dotarsi di un sistema di rilevazione delle presenze giornaliere e di comunicare alle famiglie le assenze che non sono state dalle stesse precedentemente segnalate. 

martedì 6 novembre 2018

Sistema ZeroSei cresce! La regione Umbria stanzia 5 milioni di euro


BolognaNidi










Cronaca Bambina La Regione Umbria ha assegnato quasi 5 milioni, più esattamente 4 milioni e 700 mila euro, ai comuni che hanno ideato un un progetto educativo che comprenda nidi e scuole d’infanzia, o servizi educativi ZeroSei.

"Ora di Futuro" Il nuovo progetto educativo che coinvolgerà 30 mila bambini

 
Bolognanidi














Cronaca bambina Ora di Futuro è il titolo dell’interessante progetto di educazione per i bambini compresi tra 0 e 11 anni che coinvolge insegnanti, famiglie, scuole primarie e reti non profit in tutta Italia.

lunedì 5 novembre 2018

Al nido ...."Ci hanno insegnato ad essere genitori migliori" Lettera di una mamma.


BolognaNidi















Mamma portami al nido! Oggi,  proseguiamo a raccontare il bello e il buono dei nidi, dando la parola ad una mamma, che spiega con forze e puntuale semplicità, cosa ha trovato frequentando il nido. Un asilo nido che purtroppo sta chiudendo. Pubblichiamo una lunga e delicatissima lettera di una mamma amareggiata dalla chiusura del nido Ape Luna di Aosta. Con parole semplici e commoventi, la mamma di Aosta spiega quanto il nido possa essere importante, non solo per i bambini, ma per tutta la famiglia. 

sabato 3 novembre 2018

Mai più bimbi dimenticati in auto. Al via la rilevazione informatizzata delle presenze nei nidi












Cronaca Bambina Nei giorni scorsi è stata presentata la proposta di legge per prevenire il fenomeno dell’abbandono di bambini in veicoli chiusi. La Regione Toscana continua, come aveva già annunciato (leggi qui), la lotta contro l’abbandono dei bambini in auto, tramite un sistema diffuso informatizzato, in strutture educative. Individuati anche i primi finanziamenti.